Accepted paper:

Un genovese a Smirne nel XVII secolo: l'esperienza di Battista Durazzo (1668-1669)

Authors:

Fausto Fioriti (Università degli Studi di Milano)

Paper short abstract:

L'intento di questo intervento è quello di analizzare l'esperienza di Battista Durazzo che, per poco più di un anno, visse a Smirne come agente di una compagnia commerciale. Del suo caso ci interessa mettere in evidenza la sua formazione mercantile, le sue attività e le sue reti commerciali.

Paper long abstract:

La riapertura dei rapporti con la Porta nel 1665 diede al patriziato e ai mercanti genovesi nuove possibilità di guadagno: l'Impero Ottomano era un enorme mercato di sbocco e la Repubblica di Genova stava vivendo una seconda età dell'oro legata, soprattutto, all'arrivo di grandi quantità di argento dalla Spagna. Le nuove possibilità di guadagno coinvolgevano tutti gli strati della società: dai finanzieri aristocratici ai padroni marittimi, dai procuratori ai mediatori, fino ad arrivare a quanti lavoravano nella manifattura tessile destinata all'esportazione. Per quanto riguarda i commerci col Levante le fonti sono piuttosto avare, specie quelle private. Fanno eccezione le carte di Battista Durazzo, patrizio genovese che visse e commerciò a Smirne per circa un anno e mezzo tra il 1668 e il 1669. Si tratta di cinque libri contabili e un copialettere, che ci hanno permesso di ricostruire il suo soggiorno in quello che era il più importante scalo commerciale dell'Impero Ottomano. Soprattutto ci informano sulla sua formazione mercantile e sul suo modus operandi, mostrandoci una quotidianità segnata da complesse relazioni interpersonali che lo legavano sia ai giusdicenti locali sia agli altri mercanti attivi sulla piazza, fossero essi franchi, ebrei, armeni o genovesi. Una documentazione preziosa che ci dà la possibilità di ricostruire le sue reti commerciali, fornendoci molte informazioni economiche sulla Smirne del Seicento.

panel P02
L'Italia fuori d'Italia' revisited: Italian merchant diaspora(s) after the Renaissance